Consapevolezza #48

Più incontri persone, più le persone vogliono conoscerti, a volte più di quanto lo tu faccia in tuta la tua esistenza.
Mi piace molto questa cosa, anche se non è più abitudine che qualcuno voglia veramente conoscerti e questo, quindi , a volte, ti sconvolge un po’.
Prima di rispondere devi fermarti a riflettere un attimo, perché non sai bene cosa dire. Cambi e ti evolvi ogni giorno, quindi è già faticoso rispondere per il presente che vivi, essere definita e completa in ciò che dirai. Spesso chi hai intorno non si accontenta di una risposta approssimativa ma vuole veramente scoprire cose su di te che neanche tu sapevi fino a quel momento.


Queste persone sono una benedizione, ti aiutano a elaborare chi tu sia in un momento in cui pensi di essere sempre lo stesso, ma rispetto a dieci minuti fa hai già cambiato la tua prospettiva su molte cose intorno a te.
Sono una benedizione in un mondo che fa molta fatica a lasciarsi scoprire: c’è ancora qualcuno che in modo disinteressato è interessato seriamente ad approfondire rapporti umani, e ha scelto te.
Inizi così ,anche a fare pace con quella parte di te stesso che non ti piace molto. Purtroppo c’è sempre quel lato di noi che tendiamo a nascondere, come se lo sentissimo difettoso, per sopravvivenza quindi, iniziamo a dimenticarla.
Quando sei così benedetto da trovare persone del genere, alla fine riesci perfino a tirarla fuori e pensare che sei stato un pochino limitante verso te stesso e che ogni parte di te merita la stessa opportunità.
Diamo tantissime possibilità agli altri ma mai a noi stessi. Con un briciolo di amor proprio sopravviveremmo in completezza con ogni angolo del nostro essere.
Sono grata che qualcuno stia tirando fuori il meglio e anche quello che pensavo fosse il peggio, così da poterlo vivere sotto un’altra ottica e renderlo a suo modo fondamentale ma non deleterio.
Sono grata perché queste persone sono state messe sul mio cammino e non è per caso.

Niente è stato mai per caso nella mia esistenza, non lo sarà di certo da ora in poi.

Published by

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *